I tre principali fattori SEO di cui non puoi fare a meno

| SEO

I tre principali fattori SEO di cui non puoi fare a meno - Mirko Ciesco

Vuoi attrarre nuovi visitatori sul sito e fare in modo che ti trovino ancora? Allora devi lavorare sui fattori SEO.

Ce ne sono tantissimi, forse migliaia. In questo articolo ti parlo di tre fattori di ranking fondamentali per la tua crescita.

A Google piacciono le pagine veloci

La velocità della pagina è un fattore SEO che oggi non puoi trascurare. Google premia i contenuti usabili e di pronta lettura. Infatti ha confermato in diverse occasioni che la velocità del sito influisce sul posizionamento su Google

A riprova di questo, nel 2016 Google ha lanciato l’AMP Project. Con questo progetto ha messo letteralmente a disposizione delle Open Source delle AMP (Accelerated Mobile Pages).

Le AMP sono pagine veloci e alleggerite di complessi elementi di personalizzazione, per facilitarne la fruizione lato mobile. Le Accelerated Mobile Pages utilizzano 10 volte meno dati delle pagine tradizionali e fanno a meno di effetti speciali di grafica, veicolando l’attenzione dell’utente sul contenuto.

Tuttavia, essendo pagine essenziali è importante utilizzarle per i giusti canali, anche perché i portavoce di Google hanno chiaramente espresso che il motore di ricerca non  privilegia a prescindere una pagina AMP rispetto a una tradizionale pagina mobile ben costruita.

Sono disponibili diversi plugin per integrare AMP nei CMS come WordPress, Joomla e Drupal.

Il contenuto influisce sul posizionamento SEO

Il contenuto della pagina ha un ruolo fondamentale nel posizionamento SEO. Ai motori di ricerca piacciono gli argomenti utili e preziosi per gli utenti. In questa parte cercherò di spiegarti le caratteristiche di un contenuto che piace a Google.

Mettiti alla prova e cerca di capire se segui già queste linee guida!

La qualità

Il contenuto della pagina deve essere di qualità per posizionarsi sui motori di ricerca. La qualità è intesa sia come formale che sostanziale.

  • La qualità formale: il contenuto deve essere scritto bene. Google predilige i testi comprensibili e leggibili. Pertanto meglio usare frasi brevi e semplici. I motori di ricerca sembrano prediligere articoli più lunghi (long form) Ad oggi non c’è un numero ideale di parole per articolo. A volte il lettore vuole risposte veloci ai propri dubbi, altre volte vuole approfondire. Ci sono argomenti per cui sono necessari case study di migliaia e migliaia di parole. In conclusione, non c’è lunghezza ideale degli articoli. Valuta sempre il tuo target e cerca di capire quali potrebbero essere le sue necessità.
  • La qualità sostanziale: l’argomento è di valore quando intrattiene e riduce il tasso di abbandono della pagina. Non fare copia incolla da altri siti, scegli il tono di voce appropriato, studia, ricerca e scegli il giusto grado di approfondimento del tuo articolo.

La finalità

I contenuti della pagina devono avere uno scopo per ottenere un buon ranking su Google. Significa che l’articolo deve essere centrato su un argomento ben chiaro. Individua la tua nicchia e dedicati a quella. Se pretendi di parlare di tutto, finirai per proporre contenuti superficiali e non catturerai l’interesse di nessuno.

L’utilità

La tematica della pagina deve essere utile. Un contenuto è utile quando rappresenta qualcosa che l’utente può utilizzare. Ad esempio, quando proponi un servizio, devi dare almeno queste informazioni:

  • Dove sei
  • Cosa fai
  • Come puoi essere d’aiuto

Per concludere questo aspetto, tieni sempre in mente che la tua pagina o il tuo articolo deve essere al servizio di chi legge. Non tuo. Questo vuol dire che l’autoreferenzialità e la scrittura a fini meramente autopromozionali non premiano mai. Nessuno resterebbe a guardare uno spettacolo in cui l’attore non fa che dire quanto sia capace e bravo.

Infine, se hai la possibilità, studia gli insights, anche in riferimento ai singoli post. Questo ti aiuta a correggere il tiro, dove necessario. Con uno studio preliminare dei risultati di ricerca, potrai raggiungere almeno questi due risultati:

  • Captare le “keyword” degli utenti che sanno quello che vogliono (Search Intent ben definito).  Attenzione, questo non significa che scrivere una parola in grassetto (il famoso bold) voglia dire effettivamente dargli una rilevanza e un’effettiva visibilità.
  • Guidare quegli utenti che non sanno come formalizzare un bisogno e risolverlo. Anche qui, è molto importante individuare il target e studiarlo, cercando di dare delle soluzioni a bisogni che a volte l’utente non sa come cercare e quindi spiegare al motore di ricerca.

Come aumentare il ranking del sito con l’ottimizzazione SEO on-page

Come aumentare il ranking del sito con l’ottimizzazione SEO on-page

L’ottimizzazione on-page è uno dei tre fattori SEO di cui non puoi fare a meno. L’ottimizzazione on-page comprende tutti gli accorgimenti che puoi applicare direttamente sulla pagina web e sul codice, per ottenere un buon posizionamento in SERP.

Ecco qualche accorgimento da mettere subito in pratica!

Ottimizzare gli URL

Il modo migliore per scegliere un URL è quello di utilizzare parole chiave già scelte nel contenuto. Per separare le parole che compongono l’indirizzo è sempre meglio il trattino “-” e non “_”.  Inoltre dovresti cercare di riprodurre nell’URL il modo più naturale di ricerca degli utenti. Scegli gli URL in modo da rispecchiare la struttura del tuo sito e creare un percorso continuativo. Cerca di non costruire un URL impiegando più di tre sotto-cartelle, come nell’esempio qui sotto.

Homepage: www.esempio.it/
Pagina di 1° livello: www.esempio.it/categoria/
Pagina di 2° livello: www.esempio.it/categoria/sotto-categoria/
Pagina di 3° livello: www.esempio.it/categoria/sotto-categoria/articolo/

Scegliere un Tag Title efficace

Il Tag Title è il titolo della pagina web ed è il testo cliccabile che appare nei motori di ricerca.

Deve essere breve e far capire subito l’oggetto preciso della pagina a cui appartiene. Il Tag Title infatti è sempre diverso di pagina in pagina. Senza forzare la mano, ti consiglio di utilizzare delle parole chiave e di posizionarle all’inizio del Tag Title, evitando gli articoli. Relativamente alla lunghezza, quella consigliata è tra i 40 e i 60 caratteri e se non possibile, comunque inferiore ai 65 caratteri.

Aiutare l’utente con i Meta Tag Description

Tra i meta tag, molto utile per l’utente è il meta “Description”. Si tratta di una descrizione che aiuta l’utente a capire di cosa tratti il link che visualizza nel motore di ricerca. Questo gli permette di avere una fotografia sintetica immediata del contenuto.

Valorizzare i Tag di Intestazione

I Tag di Intestazione o Tag Heading svolgono un ruolo simile agli stili di testo in Word. Sono importanti perché migliorano l’esperienza di lettura dell’utente e perché attribuiscono un peso diverso alle varie parti del contenuto. Se fatto senza forzare e in modo naturale, è opportuno inserire al loro interno delle keyword usate nel testo.

H1: deve essere utilizzato per il titolo principale del testo.
H2: questo tag serve per suddividere il testo in più sezioni.
H3: possono essere utilizzati ad esempio per elenchi di link o informazioni non proprio rilevanti.
Si va avanti fino a H6, che indica la voce meno importante.

Usare Alt per le immagini

L’attributo alt è un elemento del tag <IMG> e serve a inserire una descrizione delle immagini presenti nella pagina. Quando l’immagine non sarà disponibile, comparirà il testo inserito come “alternativo”.

Quindi è importante utilizzare parole corrispondenti all’immagine e soprattutto, se possibile, che utilizzino concetti e parole chiave utilizzati nella pagina. Questo creerà un terreno comune che darà rilevanza alla pagina agli occhi dei motori di ricerca.

Fonte: Studio Samo

Perché ti serve migliorare il posizionamento su Google?

Aumentare il numero di visitatori non basta. Ti serve arrivare agli utenti che hanno bisogno proprio del tuo servizio o del tuo prodotto.

Per questo è importante lavorare su questi elementi per il successo del tuo sito! Avevi mai pensato che per raggiungere i tuoi obiettivi sul web hai bisogno di un sito performante?

Ci sono degli esperti che sono in grado di ottimizzare il tuo sito e migliorare il tuo posizionamento su Google, anche avvalendosi di strumenti costruiti per questo.

Voglio migliorare il mio sito

Mirko Ciesco

Mirko Ciesco

Web Performer

Sviluppatore web esperto in web performance. Realizza siti web, ottimizza la SEO tecnica e migliora l’usabilità dei siti internet attraverso la web analytics. Collabora con Studio Samo e tiene corsi di web design in Novel Academy a Torino.